Da "Il sole 24 ore"

Pubblichiamo la nuova infografica del Centro Studi Confindustria sui dazi USA.


In caso di mancata visualizzazione, il link al sito è https://goo.gl/yHNA5Z

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo la nuova infografica del Centro Studi Confindustria sull'andamento del manifatturiero.


In caso di mancata visualizzazione, il link al sito è https://goo.gl/yHNA5Z

Pubblicato in Sviluppo d'impresa
Lunedì, 07 Maggio 2018 16:55

REI e reddito di cittadinanza a confronto

I numeri relativi alla povertà in Italia sono preoccupanti.

Sulla scia dei risultati elettorali, al centro del dibattito politico c'è l'adozione del "reddito di cittadinanza", la proposta del Movimento 5 Stelle.

Ma l'Italia, da gennaio 2018, si è dotata del REI, uno strumento universale di contrasto alla povertà su scala nazionale.

Come si confrontano i due strumenti? C'è ragione di affrettarsi a sostituire quello appena partito?

A queste domande risponde la Nota dal CSC.

In allegato la nota del CSC 

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

La produzione industriale italiana ha sorpreso negativamente nel primo trimestre dell'anno a causa di alcuni fattori contingenti e nonostante il buon andamento degli indicatori qualitativi.

Dal secondo trimestre è attesa riprendere un sentiero di crescita moderata e tornare a contribuire positivamente all'incremento del PIL.

Buona lettura!

In allegato: Comunicato CSC Produzione Industriale_Apr 2018.pdf

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Crescono i rischi per l'economia mondiale, per l'incertezza originata dallo scontro sui dazi tra USA e Cina.
Con meno traino dall'estero, l'Italia rallenta nel 1° trimestre, dopo il
+0,3% del PIL nel 4° del 2017.

Focus del mese: rifacciamo i conti dell'impatto dei "salvataggi" bancari su deficit e debito pubblici.

Di questo si parla nella Congiuntura flash di aprile.

In allegato. 

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

CONFINDUSTRIA – CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2018
Sud: tessuto delle imprese più robusto. Cresce il potenziale degli investimenti. Sostenere la crescita dimensionale.

Cosenza, 5 aprile 2018. Le PMI meridionali tornano ad investire. Potrebbero farlo in maniera ben più consistente grazie ad una crescente solidità finanziaria e patrimoniale. Il tessuto produttivo ha conti economici in ripresa e torna a popolarsi, ma soprattutto di imprese di piccolissime dimensioni, che faticano però a crescere. La velocità con cui tale processo si compie non è ancora sufficiente a recuperare, in tutti i territori, le fette di tessuto imprenditoriale perdute con la crisi. Due saranno le sfide decisive: attivare il potenziale degli investimenti e favorire il salto dimensionale delle micro imprese.

E' questa la fotografia della 4°edizione del Rapporto PMI Mezzogiorno, a cura di Confindustria e Cerved, con la collaborazione di SRM – Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, che fa il punto sulle caratteristiche e sull'andamento di un campione di imprese – le PMI di capitali tra 10 e 250 addetti – rappresentativo del tessuto imprenditoriale meridionale. un campione, di circa 26 mila imprese, che vanta un fatturato di tutto rispetto (oltre 130 miliardi di euro) e un valore aggiunto di quasi 30 miliardi di euro: da sole, dunque, valgono poco meno del 10% del PIL meridionale.
Nel suo complesso, il sistema di PMI meridionali, che per effetto della crisi aveva mostrato una marcata flessione tra 2007 e 2014 (da 29mila a meno di 25mila imprese, -14%), è tornato a crescere, a ritmi anche superiori a quelli nazionali (nel 2016 +4,1% contro +3,6%). Rispetto ai valori pre-crisi mancano ancora all'appello circa 2 mila PMI, ma le tendenze sono incoraggianti, sia sul fronte delle nascite sia delle cessazioni. Il numero di PMI uscite dal mercato è infatti tornato su livelli fisiologici, con netti cali di fallimenti (-25% tra 2016 e 2017), di procedure concorsuali (-18%) e di chiusure volontarie.
La natalità si conferma elevata e tocca, con 35 mila nuove imprese, un nuovo record: ma oltre la metà delle nuove nate sono Srl Semplificate (cioè con meno di 5000 euro di capitale) e in larghissima parte piccolissime imprese. La sfida decisiva è il salto dimensionale di tutte le categorie di imprese: da micro a piccole, da piccole a medie e poi grandi, infoltendo il tessuto di imprese del Mezzogiorno.
I conti economici sono in graduale ripresa e certificano il buono stato di salute di questo campione di imprese. Aumentano infatti il fatturato (+2,7%), che cresce più della media italiana ed è ormai tornato ai livelli pre-crisi, e il valore aggiunto (+4% tra 2015 e 2016).
Più contenuti sono i miglioramenti della redditività lorda, come se diseconomie esterne ed interne alle imprese ne limitassero i risultati: il MOL, in crescita dell'1,6%, è ancora lontano dai livelli del 2007, rispetto ai quali le PMI meridionali hanno perso più di 30 punti percentuali. Migliora anche la redditività netta, con il ROE all'8% (dal 7,5% dell'anno precedente), che però rimane inferiore rispetto alla media nazionale (10,2%).
La forte crescita della capitalizzazione delle PMI meridionali (+5,3% tra 2016 e 2015, con un incrementi di 1/3 rispetto ai livelli pre-crisi) ne rende più sostenibile il debito,. Grazie anche ai bassi tassi di interesse, si riduce il peso degli oneri finanziari: questa ritrovata sostenibilità rende più agile l'indebitamento. Il credito aumenta soprattutto nelle regioni dove è più robusto l'apparato produttivo. Si tratta peraltro di un indebitamento meno "necessario": in forte calo è infatti il numero delle imprese meridionali fortemente dipendenti dal credito bancario, ormai quasi in linea con la media nazionale.
Anche il miglioramento dell'affidabilità creditizia testimonia la maggiore robustezza dell'apparato produttivo meridionale: metà delle imprese osservate sono valutate positivamente come sicure o solvibili (passando dal 40% al 48,4%). E i movimenti dello score indicano comunque che le PMI che migliorano la propria classe di rischio (35,6%) sono significativamente di più di quelle che la vedono peggiorare (25,6%).
Il principale segnale di svolta viene dagli investimenti: dopo una fase di forte contrazione, accelerano e crescono in tutte le regioni meridionali. Tra 2015 e 2016 gli investimenti materiali lordi delle PMI meridionali aumentano dal 5,9% delle immobilizzazioni materiali all'8,5%, superando la media nazionale (7,8%). Ancora meglio fanno le imprese industriali, i cui investimenti superano il 10% delle immobilizzazioni in Campania, Puglia e Sicilia.
Soprattutto, gli investimenti mostrano ancora ampi e confortanti margini di crescita. Le circa 7 mila PMI meridionali con fondamentali più solidi potrebbero infatti aumentare il proprio indebitamento fino a 9,4 miliardi di euro, mantenendo un livello di rischio molto contenuto: un incremento consistente, pari al 22,4% dell'attivo, che se trasformato in investimenti potrebbe aumentare significativamente la capacità produttiva meridionale.
Oltre la metà di questo potenziale, 5 miliardi di euro, si riferisce a 6 mila piccole imprese che, anche grazie a questo ulteriore indebitamento "sostenibile", potrebbero ricevere una spinta significativa alla loro crescita dimensionale e produttiva. Non stupisce se 1,8 miliardi di euro di nuovo, potenziale indebitamento "sostenibile" si riferisce a circa 1 migliaio di PMI ad alta automazione: anche al Sud Industria 4.0 si conferma la strada maestra per l'irrobustimento del tessuto produttivo, soprattutto della parte industriale.
Tra le imprese osservate, quelle industriali sembrano aver pagato i costi maggiori della crisi ma mostrano ora i maggiori segnali di vitalità. Il duro processo di selezione ha fatto scendere il numero di PMI di capitali tra il 2007 e il 2014 da 6.330 a poco più di 5.000 unità, con un calo del 20%, percentuale quasi doppia di quella nazionale. Il 2015 fa registrare un primo, piccolo ma importante, segnale di inversione di tendenza: sia a livello nazionale, sia al Sud , il numero delle PMI industriali cresce dello 0,7%.
I risultati delle PMI dell'industria rimaste sul mercato sono incoraggianti: il loro fatturato cresce al Sud del 4,8% (2016), quasi il doppio del complesso delle PMI dell'area e più della media nazionale (3,1%). I margini lordi delle PMI industriali aumentano del 3,2%, il doppio del complesso delle PMI, ma meno di quelle italiane (+4,6%). Anche le imprese industriali scontano, dunque, il peso di diseconomie esterne che ne limita le performance.
Un peso che continuerà a farsi sentire, anche in una congiuntura che si conferma positiva. Secondo le previsioni di Confindustria e Cerved, nel 2018 e nel 2019, fatturato e valore aggiunto delle PMI di capitali del Sud continueranno a crescere con tassi non lontani da quelli del resto del Paese, mentre i margini si manterranno più bassi della media nazionale, a conferma della rilevanza di fattori esterni che pesano sulla profittabilità delle imprese meridionali.
Insomma, le prospettive delle PMI meridionali sono moderatamente positive, ma l'intensità con cui tali andamenti si consolidano e, soprattutto, la velocità con cui il segno "+" si estende mostrano che c'è ancora molto da fare per tradurre questi segnali in un complessivo miglioramento della situazione economica e sociale dei territori meridionali.
Le sfide da affrontare sono impegnative, e di non breve periodo: occorre, infatti, rinfoltire le fila delle piccole ma soprattutto delle medie imprese di capitali; attivare il potenziale di investimento con un miglior accesso alle fonti di finanziamento, non solo bancario; utilizzare sinergicamente credito, finanza e strumenti di incentivazione; sfruttare i fondi europei per ridurre le diseconomie territoriali. Imprese, mondo del credito e della finanza, Istituzioni, sono tutti chiamati a fare la loro parte.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo CONGIUNTURA FLASH del Centro Studi Confindustria di marzo 2018:
L'economia globale accelera, l'Italia rimane ben agganciata alla ripresa. La produzione industriale è in crescita e la fiducia di imprese e consumatori è vicino ai massimi pre crisi.
Focus sui nuovi dazi USA: l'Italia al momento è poco esposta ma in prospettiva sono a rischio 40 miliardi di export.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Confindustria lancia oggi il Manifesto "La Responsabilità sociale d'impresa per l'Industria 4.0". Diviso in dieci punti, è rivolto alle imprese che cambiano per rendere il Paese più sostenibile.

Tra i principali capitoli del documento: maggiore governance per la competitività; attenzione ai problemi sociali e ambientali; sostegno all'innovazione di modelli di business e strategie aziendali orientate al raggiungimento degli SDGs (Sustainable Development Goals) dell'Agenda 2030; promozione della formazione e della ricerca; supporto a politiche e sistemi di gestione per assicurare l'integrità dei comportamenti e contrastare la corruzione; individuazione di adeguati strumenti di politica economica; sviluppo di partnership pubblico-private e con il terzo settore.
I nuovi scenari mondiali impongono ormai un'attenzione più sistematica da parte di tutti gli attori economici: la sostenibilità e la responsabilità sociale, dunque, non sono esclusivamente corollari delle attività industriali, bensì leve gestionali e strategiche necessarie. E rappresentano driver centrali per diminuire i costi, incrementare la produttività, attrarre consumatori e investitori, cogliere opportunità di mercato.
"La nostra è una chiamata all'azione dell'imprenditoria italiana, perché sostenibilità e innovazione sono i due pilastri dello sviluppo economico del Paese", afferma il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. "Non si tratta solo di una consapevolezza come cittadini, ma anche della necessità di un cambio di visione. Occorre infatti ragionare e continuare a lavorare su un differente modello di sviluppo, che alla sostenibilità e all'innovazione coniughi la responsabilità", conclude il leader degli industriali.
In Confindustria la RSI è stata inserita nella delega per la politica industriale affidata al vicepresidente Giulio Pedrollo ed è stato costituito un apposito Gruppo Tecnico, incaricato di divulgare la tematica mediante tutta una serie di iniziative e attività.
"La RSI rappresenta un asset strategico per le politiche industriali ed è inoltre un fattore essenziale di competitività, capace di creare valore condiviso per tutti", dichiara Rossana Revello, presidente del Gruppo Tecnico Responsabilità sociale d'impresa. "Dobbiamo quindi contribuire a renderla un nuovo paradigma economico, che possa contemporaneamente configurarsi come antidoto alla disgregazione sociale, per la creazione di una rinnovata cultura d'impresa che sia innovativa, sostenibile e interconnessa".

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo il commento ai dati di produzione industriale in novembre, diffusi dall'ISTAT, e le nuove stime CSC sull'attività in dicembre.

Pubblicato in Organizzazione

Si è tenuta venerdì scorso, 15 Dicembre, presso la sede di Confindustria Chieti Pescara, la Presentazione del rapporto in oggetto, realizzato a partire da questa edizione congiuntamente tra Confindustria Abruzzo e CRESA.

Pubblichiamo in allegato l'intervento del Presidente di Confindustria Abruzzo, Cav. Agostino Ballone, e la documentazione presentata nel corso dell'evento. In particolare:
- Copia del Rapporto;
- Copia del comunicato consegnato alla stampa;
- Slides di presentazione illustrate dalla Dott. Matilde Fiocco, ricercatrice CRESA;
- Slides illustrate dall'Economista Pino Mauro, intervenuto nel dibattito.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa
Pagina 1 di 7

Seguici attraverso i nostri canali social

Icon TwitterBlu   Icon GoogleBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu