Da "Il sole 24 ore"

Pubblichiamo la Nota CSC n. 04/2016 su "Puntare sulla manifattura per far ripartire la crescita" a cura di Livio Romano.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

La ricerca coordinata dal Centro Studi di Confindustria per il convegno Biennale 2016 ha al centro la figura dell'imprenditore in Italia.

È la prima volta che Confindustria realizza un'analisi, non solo economica, sulle persone imprenditrici, sondando anche l'opinione che gli italiani hanno degli "industriali".

Ne esce l'immagine di un Paese ad alta vocazione industriale, trainato dagli imprenditori, tra i quali emergono però segni di scoraggiamento (specie tra le nuove generazioni). L'opinione pubblica ha in leggera maggioranza un'immagine positiva dell'impresa, anche se non ne percepisce appieno i valori fondamentali al benessere collettivo.

L'Italia si conferma paese di imprenditori: la quota dei lavoratori indipendenti sul totale degli occupati è del 24,9% sul totale dei lavoratori (molto più alta rispetto alla media UE, doppia di quella francese e tedesca). Tuttavia negli ultimi anni la sua tendenza, non solo nel nostro Paese, è in calo, come si evince anche dal tasso di natalità delle imprese, che in Italia è sceso dal 12,5% del 2006 all'8,1% del 2014.

Le ragioni sono più d'una e sono legate, tra l'altro, ai cambiamenti che hanno investito il "modello" di sviluppo industriale: da una situazione in cui le imprese si frammentavano, accrescendo il numero dei titolari di impresa, a una in cui è richiesta una maggiore caratura dimensionale. Emerge anche un senso di scoraggiamento dei potenziali nuovi imprenditori: tra gli italiani la percentuale di chi oggi sceglierebbe un lavoro indipendente è del 44%, nel 2009 era al 51%.

La crisi ha senza dubbio contribuito a ridurre la voglia di avviare nuove iniziative: il 78% degli imprenditori ritiene che rispetto al passato l'avvio di una nuova impresa sia più complicato. Per gli imprenditori i principali ostacoli all'attività sono le tasse (54,3% degli intervistati), l'eccesso di burocrazia (45,7%), la difficoltà di accesso al credito (37,7%). Alla domanda "fare l'imprenditore oggi per lei è..." al primo posto gli industriali rispondono responsabilità verso i collaboratori, al secondo posto scelgono la voce stressante. Risposte sintomatiche di un grande impegno etico.

Dalla ricerca emerge che il 41,2% delle imprese sono di prima generazione, una quota che ha un trend in aumento, mentre il 48,5% sono state avviate in passato dalla famiglia. Dal punto di vista del sistema valoriale gli imprenditori mettono al primo posto la famiglia, al secondo il sacrificio e al terzo il lavoro.

Lo studio prende in cosiderazione la percezione che la società ha dell'imprenditore e che l'imprenditore ha di se stesso all'interno della società (ovvero la misura in cui si ritiene apprezzato o meno). Ne risulta che il 64,7% degli italiani ritiene che alla professione di imprenditore non sia riconosciuto il giusto valore. Mentre tra le caratteristiche attribuite alla figura imprenditoriale dagli intervistati compaiono al primo posto competenza e coraggio, ma soltanto all'ultimo l'onestà.

Il 48,4% degli italiani ritiene in ogni caso che lo sviluppo delle piccole e medie imprese abbia un ruolo centrale per la crescita del Paese. Complessivamente il 53% degli italiani ha un'opinione positiva della figura dell'imprenditore, anche se rispetto al passato è peggiorata per il 45,5% dei rispondenti. È significativo, in questo quadro, che l'importanza del settore industriale in Italia sia largamente sottovalutata: siamo il secondo Paese manifatturiero d'Europa dopo la Germania, ma solo un terzo della popolazione ne é a conoscenza.

Il ruolo imprenditoriale appare condizionato da fattori di contesto, incluso un quadro recessivo che è durato per un tempo eccezionalmente lungo. Ma occorre anche lavorare per rimuovere immagini stereotipate e pregiudizi attorno alla figura dell'imprenditore, che impediscono di costruire un'immagine equilibrata del suo ruolo sociale. Si tratta di una sfida culturale importante, cruciale per il futuro del Paese, e Confindustria ha il dovere di affrontarla.

In allegato le slide dell'intervento di Luca Paolazzi, direttore del Centro Studi Confindustria.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo il comunicato sulla produzione industriale rilevata in febbraio e marzo presso un panel di imprese associate a Confindustria e rappresentative dell'industria italiana.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichamo il nuovo numero di "Congiuntura Flash".

È passata la grande paura dell'avvitamento tra mercati finanziari ed economia reale. Tuttavia, lo scenario globale è
uscito più fragile dalla tempesta finanziaria, privo di possibili sorprese positive. Impone di navigare a vista . Un atteggiamento prudente che inevitabilmente condiziona le decisioni di spesa, soprattutto gli investimenti. Le Borse
hanno recuperato gran parte del crollo autoinflitto , giacché i fondamentali non lo giustificavano. Il petrolio è un po'
risalito, per gli embrioni di accordo tra i produttori, mentre l'offerta rimane largamente eccedentaria.

In allegato il documento completo.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo in allegato la Nota CSC n. 03/2016 su "Conti pubblici più flessibili per sostenere le riforme" curata da Luca Paolazzi e Alessandro Fontana.

La flessibilità nelle regole europee su bilanci pubblici è cruciale per il successo delle riforme strutturali.
Varata un anno fa, richiede una revisione nella dimensione e nei tempi di rientro.
La valutazione dei conti si basa, poi, su stime opinabili dei saldi strutturali.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo la NOTA DAL CSC
Numero 16-2

La flessibilità per i migranti penalizza l'Italia 
Considerare solo l'aumento della spesa pubblica nel 2016 non tiene conto del balzo avvenuto in precedenza.

di
Alessandro Fontana e Luca Paolazzi


L'esclusione dai vincoli del Patto di stabilità e crescita nel 2016 soltanto della maggiore spesa per i migranti rispetto a quella sostenuta l'anno prima penalizza l'Italia, che spenderà quest'anno 2,5 volte la media nel triennio 2011-2013 e che dai primi anni 2000 è tra i paesi europei quello che, insieme alla Spagna, ha visto crescere di più la quota di stranieri residenti (dal 2,4% all'8,2% nel 2013). È singolare, inoltre, che le spese per i migranti finiscano per peggiorare i saldi strutturali
e, quindi, richiedere manovre correttive più ampie.

Pubblicato in Organizzazione

Pubblichiamo l'indagine rapida del CSC.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa

Pubblichiamo il nuovo numero di "Congiuntura Flash".

L'economia mondiale è entrata nel 2016 con meno slancio dell'atteso e mostra ulteriori segni di indebolimento.
Non nelle parti di fragilità già note (emergenti, soprattutto Cina), ma in quelle con le dinamiche considerate
più robuste o in miglioramento (gli avanzati). Dai quali arrivano le sorprese negative. Il contagio congiunturale
appare estendersi, ancor prima che si materializzino gli effetti della tempesta finanziaria. Quest'ultima si sta
attenuando: alla prolungata e violenta caduta dei prezzi azionari (anche per lo smobilizzo dei fondi sovrani) e
delle materie prime è subentrata una fase di alta volatilità senza un preciso trend. La tempesta ha causato una
forte restrizione delle condizioni finanziarie (pari a un aumento dei tassi a breve di 1,7 punti percentuali in Italia
e di 0,8 in USA) e ha iniziato a intaccare la fiducia. Cosa seguirà a questa pausa? L'affievolimento della
crescita prelude a un ulteriore peggioramento o è momentaneo? L'incertezza rimane molto elevata. Le politiche
economiche e la politica tout court non aiutano a dissolverla: i bilanci pubblici restano rivolti a tirare le
redini (servirebbe invece un piano coordinato di rilancio degli investimenti); alcune decisioni delle principali
banche centrali hanno creato sconcerto (pure per il risicato spazio di manovra rimasto); il referendum su Brexit,
la questione migranti e l'instabilità in molti paesi (anche core) annebbiano lo scenario in Europa; la campagna
delle presidenziali fa lo stesso negli Stati Uniti. Dove i fondamentali sono nel complesso solidi, sebbene
preoccupi la contrazione del manifatturiero. Nell'Eurozona i consumi sostengono la domanda interna, con
cambio, tassi e costi energetici ancora favorevoli. L'Italia risente del quadro globale e i dati hanno nuovamente
deluso le aspettative positive basate sul netto progresso di indicatori qualitativi e non; banalmente per ragioni
aritmetiche, le previsioni sull'anno in corso sono riviste all'ingiù da vari istituti italiani e internazionali.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa
Mercoledì, 03 Febbraio 2016 00:00

Indagine Rapida CSC sulla produzione industriale

Pubblichiamo il comunicato sulla produzione industriale rilevata in dicembre e gennaio presso un panel di imprese associate a Confindustria e rappresentative dell'industria italiana.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa


Il 2016 dell' economia globale è iniziato all'insegna delle turbolenze , con crolli delle Borse e dei prezzi delle materie prime e rivalutazione del cambio effettivo dell'euro. Le condizioni finanziarie sono così diventate più restrittive, "come se" i tassi fossero aumentati di un punto per centuale, e la ritrovata alta fiducia complessiva di famiglie e imprese già ne risente. Non è l'ambiente ideale per far prendere quota all'incremento del PIL italiano.

In allegato il documento completo CONGIUNTURA flash - Analisi mensile del Centro Studi Confindustria di Gennaio 2016
.

Pubblicato in Sviluppo d'impresa
Pagina 1 di 4

Seguici attraverso i nostri canali social

Icon TwitterBlu   Icon GoogleBlu   Icon YouTubeBlu   Icon LinkedinBlu   Icon RSSBlu